Lanciare un incantesimo

Lanciare un incantesimo

149 Visite

Hai mai espresso un desiderio soffiando sulle candeline di compleanno, gettato un centesimo in una fontana o scarabocchiato il nome della tua cotta su un pezzo di carta? Se è così, allora sai già come lanciare un incantesimo. Sebbene tali azioni possano sembrare banali, queste pratiche hanno tutte un posto nella tradizione magica.

Per generazioni, gli umani hanno esplorato la loro magia innata attraverso varie tecniche di manifestazione. Nel 1533, Heinrich Cornelius Agrippa di Nettersheim, stabilì i diversi approcci e le diverse correnti esoteriche; nel suo “De occulta filosofia” Cornelio Agrippa ha rintracciato tre tipi di pratiche magiche: Magia cerimoniale, Magia celeste e Magia naturale.

La magia cerimoniale deriva dalla tradizione divina e richiede la presenza di una figura celebrante, come un sacerdote, una sacerdotessa o uno sciamano. La magia celeste si colloca ne punto di intersezione dei regni terrestre e cosmico: un esempio perfetto è l’astrologia. La magia naturale invece utilizza erbe, candele, cristalli e pietre per dirigere l’energia attraverso gli incantesimi.

Ma cos’è esattamente la Magia? Cosa significa dirigere l’energia e da dove si inizia? 

Cos’è la Magia?

Il concetto di una forza vitale che scorre in ogni realtà naturale è stato esplorato dalle religioni di tutto il mondo e di ogni epoca. Tale concetto viene indicato come “Qi” dalla medicina tradizionale cinese, “Prana” dalla filosofia indù e “ka” dall’antica religione egizia. Questi nomi descrivono l’essenza dell’esistenza, una corrente che anima tutte le cose naturali.

Come in tutte le pratiche di divinazione, la Magia si basa sulla convinzione che all’interno di ogni individuo c’è un’intera cosmologia che rispecchia quella dell’universo; il microcosmo, dunque, simboleggia il macrocosmo. Fondamentalmente, lanciare un incantesimo è l’arte di identificare e dirigere la tua energia. 

Che cos’è un incantesimo?

Un incantesimo è qualsiasi cosa eseguita con intenzioni magiche; l’unica differenza tra il mettere in pratica un incantesimo e lanciare una moneta, preparare un infuso o sollevare un cono di potere è data dalla connessione tra l’energia sprigionata e colui o colei che la sprigionano.

Come si classificano gli incantesimi?

Gli incantesimi di maggior successo sono quelli che hanno origine da uno scopo specifico. In altre parole, la tua ricerca di una manifestazione magica dovrebbe essere una risposta a un desiderio o un bisogno ardente. Il tuo incantesimo può essere una reazione a un evento o un’idea, ma è meglio evitare di creare in uno stato di “ansia da prestazione” estrema. Il risultato delle tue manifestazioni, infatti, rifletterà sempre il tuo stato d’animo al momento della “messa in atto”: se alimenti il ​​tuo incantesimo con frenesia, aspettati risultati irregolari. Per creare risultati positivi e significativi, canalizza la tua energia magica con concentrazione, saggezza ed empatia.

In definitiva, gli incantesimi fungono da intermediari che unificano le entità attraverso i concetti. Esploriamo alcune delle tipologie più popolari di incantesimi.

Incantesimi con le Corrispondenze

Le corrispondenze sono collegamenti tra il mondo intangibile e quello fisico, che puoi formare con gli strumenti che usi per creare il tuo incantesimo, la simbologia, la fase lunare, etc. 

Ad esempio, ogni pianeta rappresenta un concetto o un’azione distintiva: Mercurio simboleggia la comunicazione, mentre Venere simboleggia il romanticismo e Marte simboleggia la determinazione. Allo stesso modo, ogni pianeta “tradizionale” (quei corpi celesti scoperti ad occhio nudo) è associato a un diverso giorno della settimana. Se intendi lanciare un incantesimo d’amore, è meglio creare il tuo incantesimo di venerdì, il giorno di Venere.

Molte corrispondenze (come quelle dettagliate nell’esempio sopra) sono state onorate per secoli. Altre, invece, sono più contemporanei.

Incantesimi di Magia Simpatica

Questo fenomeno di forze che si attraggono a vicenda è chiamato “magia simpatica”. La pratica della magia simpatia suggerisce che due oggetti o entità uniti in un regno si uniranno sempre in un altro regno. In altre parole, “il simile attrae il simile”. Un classico incantesimo di magia simpatica lega gli amanti avvicinando lentamente due candele che ne simboleggiano la persona. Quando le candele si toccano, si forma un’unione e le candele sono legate con un nastro rosso per garantire una relazione forte e passionale. 

Un altro incantesimo d’amore consiste nell’incidere il nome e il compleanno (o il segno zodiacale) del tuo interesse romantico su una candela rossa. Esponi la tua intenzione ad alta voce e con sicurezza, accendi la candela e lascia che essa bruci completamente. 

Incantesimi tramite la ripetizione dell’intento

Le connessioni magiche vengono create e rafforzate attraverso la ripetizione. La creazione di un ritmo non solo aiuta a focalizzare l’intenzione ma la ciclicità della ripetizione crea un potente legame che carica energeticamente qualsiasi incantesimo. Scrivere ripetutamente il nome del tuo interesse amoroso, ad esempio, non fa altro che rafforzare il legame tra il regno fisico e quello magico. 

Come iniziare a lanciare un incantesimo

Come accennato in precedenza, l’unico ingrediente indispensabile per lanciare un incantesimo efficace è l’intenzione. E’ bene comunque sapere che l’utilizzo di altri strumenti come Pietre, Incensi, Candele e Pendoli non fa altro che migliorare e rafforzare la canalizzazione degli intenti.

Quando scegli un luogo per eseguire il tuo incantesimo, nota che le soglie fisiche servono come ingressi cosmici. Porte, davanzali e crepe nelle assi del pavimento possono diventare portali magici, a simboleggiare lo spazio tra i mondi. Questi sono posti eccellenti per praticare i tuoi incantesimi. Allo stesso modo, lanciare il tuo incantesimo al momento dell’intersezione tra giorno e notte (alba o tramonto), così come durante gli equinozi stagionali, può rafforzare la sua potenza. Non importa dove scegli di creare la tua magia, assicurati di chiudere sempre qualsiasi porta che apri segnalando il completamento dell’incantesimo.

L’unica vera regola per fare incantesimi è che non dovresti mai lanciare un incantesimo per malizia o con l’intenzione di causare danni a te stesso o agli altri. La legge del triplice ritorno è il principio karmico della magia: qualunque energia dirigi ti sarà restituita con una potenza tre volte maggiore. Se non sei sicuro di dover lanciare un particolare incantesimo, non farlo. Le tue intenzioni magiche definiscono il tuo spirito, quindi alimenta sempre le tue curiosità con amore e gentilezza.